10 tecnologie immaginarie più memorabili

Libri di fantascienza, film, giochi, programmi TV e altri media sono stati a lungo la patria di una tecnologia straordinaria. Molte di queste idee possono servire da ispirazione per gli scienziati di oggi, ma quanto siamo vicini alle versioni della vita reale? In questa funzione, esaminiamo dieci dei migliori esempi e valutiamo le possibilità del loro arrivo entro i prossimi 30 anni.

Il ponte ologrammi (Star Trek)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 0/10

Come notoriamente ha detto il ragazzo dei fumetti dei Simpson: “Vorrei un’ora sul ponte ologrammi con Seven of Nine”. Le esperienze di realtà virtuale futuristica compaiono in molte opere di narrativa, anche se poche sono famose o fantastiche come il ponte ologrammi di Star Trek.

Mentre la maggior parte delle persone lo associa a Star Trek: The Next Generation, le origini del ponte ologrammi possono essere fatte risalire allo scrittore Fahrenheit 451 Ray Bradbury, che nel suo racconto del 1950 “The Veldt” scrisse di una stanza di realtà virtuale in grado di riprodurre qualsiasi cosa una persona possa immaginare . Tuttavia, l’autore Alexander Moszkowski potrebbe essere stato il primo a inventare un tale concetto.

La prima apparizione di Star Trek fu in un episodio del 1974 dell’episodio di Star Trek: The Animated Series “The Practical Joker”, molto prima che diventasse un punto fermo in Star Trek: TNG e apparisse in altri franchise di Trekkie.

Purtroppo, un ponte ologrammi in stile Star Trek è piuttosto lontano dal diventare una realtà, per non dire altro. Continuano a essere compiuti progressi nei campi di VR, AR e proiezione olografica, ma ovviamente non siamo neanche lontanamente vicini a stanze completamente immersive con proiezioni solide caratterizzate da IA ​​umana. Con il suo uso della tecnologia di trasporto immaginario (vedi più in basso nell’elenco) e di sistemi di replicatori, potremmo aspettare fino al 24 ° secolo prima di andare in date virtuali con gli ex droni Borg.

KITT (cavaliere cavaliere)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 5/10 (anche se qualche tecnologia esiste già)

Knight Rider è famoso per due cose: il consolidamento della posizione di Hoff come icona nella storia della cultura pop e la Knight Industries Duemila, meglio conosciuta come KITT. La Pontiac Trans-Am del 1982 modificata aveva un gran numero di abilità, in particolare la sua incredibile intelligenza artificiale che era indistinguibile dall’intelligenza umana.

L’intelligenza artificiale ha fatto molta strada dagli anni ’80. Con una tecnologia come Duplex di Google , ci stiamo avvicinando un po ‘a un’intelligenza artificiale che può indurre le persone a credere che stiano parlando con un’altra sacca di sangue e ossa piuttosto che con un codice complesso.

Guardando l’altra tecnologia di KITT: le auto a guida autonoma sono ormai una realtà, in grado di percorrere centinaia di miglia con un intervento umano minimo o nullo, mentre Tesla vanta da anni una funzione di “evocazione”. Altrove, KITT può fare 0 – 60 mph in 2 secondi, solo un’ombra più veloce del Demone Dodge Challenger SRT; la maggior parte delle auto ha display, touchscreen e persino AR; abbiamo anche veicoli con vetri oscuranti. Ma non tutte le capacità di KITT sono arrivate: un vassoio per analizzatore chimico retrattile e il sistema di ritenuta laser passivo sembrano ancora lontani.

Stack corticali (carbonio alterato)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 0/10

Yes, the second season wasn’t a patch on the first, but Netflix should face criminal charges for canceling Altered Carbon. The show was packed with awesome future tech, from synths and AIs to guns that can recall their fired rounds. But the highlight is the show’s central theme: cortical stacks.

For the unfamiliar, a cortical stack is a vertebrae-shaped disk that can store a person’s consciousness, allowing people to transfer their essence into new bodies, known as sleeves. Those who can afford it are essentially immortal, ‘resleeving’ whenever a current sleeve is about to expire, while the less fortunate have their stacks placed in storage facilities when a body dies. A person can exist pretty much indefinitely, as long as the stack is undamaged—though it is possible to store duplicate backups of a person, so they can be restored in the event of “real death.”

Oltre ai pantani morali, etici e legali che tale tecnologia produrrebbe, essere in grado di trasferire la coscienza umana in corpi artificiali rimane roba da fantascienza. Nel 2015, una startup ha detto che sarebbe stata in grado di farcela entro i prossimi 30 anni, ma da allora è stato abbastanza tranquillo. Tuttavia, immagina quanto sarebbe sorprendente: se il tuo corpo sviluppa una malattia incurabile, saltane su una nuova.

JARVIS (Marvel Universe)

Qui nei prossimi 30 anni: Punteggio: 6/10

Just A Rather Very Intelligent System, meglio conosciuto come Jarvis, è un altro sistema di intelligenza artificiale che non troverebbe difficile superare il test di Turing. L’intelligenza artificiale è essenzialmente più avanzata, più intelligente e simile a quella umana di KITT.

I sistemi di intelligenza artificiale stanno diventando sempre più simili ai loro equivalenti cinematografici per tutto il tempo, in grado di ingannare gli umani facendogli credere di parlare con una persona reale mentre eseguono compiti inimmaginabili 20 anni fa. E gli assistenti intelligenti abilitati alla voce, sebbene non siano neanche lontanamente vicini al livello di Jarvis, sono diventati prevalenti. Un giorno Alexa sarà considerata il precursore di un’intelligenza artificiale simile a quella di Tony Stark?

Uno Jarvis nella vita reale sarebbe sicuramente qualcosa di speciale, ma come Elon Musk ama avvertirci ripetutamente, i progressi non regolamentati nel campo dell’IA sono la “più grande minaccia esistenziale” dell’umanità e “potenzialmente più pericolosi delle armi nucleari”.

Jarvis ha anche contribuito a creare la tuta Iron Man Mark II, illustrando le applicazioni dell’IA come arma. I robot assassini sono diventati un argomento particolarmente caldo negli ultimi anni, con più paesi che sviluppano armi autonome letali in grado di identificare e ingaggiare obiettivi senza intervento umano. Speriamo solo che non si crei accidentalmente Ultron.

Terminali manuali (The Expanse)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 9.5 / 10

Macchine volanti (Ritorno al futuro, The Jetsons, Futurama, ecc.)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 7/10

Una voce controversa come molti sosterrà che abbiamo già macchine volanti, ma la maggior parte di questi sono piccoli veicoli simili a quelli di un aereo o semplicemente grandi droni che trasportano passeggeri. Quello che vogliamo sono il tipo di auto volanti viste in Ritorno al futuro, essenzialmente quelle che sembrano automobili ma possono decollare e volare senza interruzioni come un aereo.

Uno dei prototipi funzionanti più vicini di una vera macchina volante proviene dalla società slovacca Klein Vision . La sua AirCar di quinta generazione potrebbe quasi passare per una normale auto sportiva a due posti, ma la semplice pressione di un pulsante estende la coda e solleva le ali. Finché ci saranno circa 300 metri di strada libera davanti, i conducenti potranno lasciare la terra per il volo.

Secondo The Boston Consulting Group (BCG), lo scenario peggiore vedrebbe “solo” 10.000 auto volanti, inclusi veicoli simili a droni, in aria entro il 2030. Se tutto va secondo i piani, tuttavia, la società stima un mercato di 60 milioni di unità, per un totale di 825 miliardi di voli. Il gruppo crede anche che i taxi urbani volanti saranno la nuova normalità entro il 2040. Quindi, potremmo vedere cieli simili a Futurama pieni di macchine tra un paio di decenni. “Benvenuto nel mondo di domani.”

Trasportatori / Teletrasportatori (Star Trek)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 0/10

Ammettiamolo, una versione reale dei trasportatori che vediamo su Star Trek avrebbe un impatto che cambierà il mondo. Immagina di poter saltare ovunque sulla terra, o anche oltre il nostro pianeta, in un batter d’occhio. Avrebbero anche enormi implicazioni per industrie come l’automotive, le compagnie aeree e il petrolio, ma quei giganti possono respirare facilmente: è estremamente improbabile che una tale tecnologia possa mai diventare una realtà.

Secondo Star Trek, un trasportatore rompe una persona in un “flusso di materia distaccato subatomicamente” distruggendo i legami tra i singoli atomi, quindi trasmettendoli in un buffer di pattern prima di essere inviati a destinazione. Il flusso di materia viene riassemblato nella persona una volta arrivato, gli atomi si riformano correttamente attraverso l’uso di un compensatore di Heisenberg .

In sostanza, sembra che piuttosto che spostare le persone da un posto all’altro, i trasportatori uccidano gli utenti prima di fare copie identiche altrove, anche se il franchise è piuttosto ambiguo su questo, è vero. Se una tale tecnologia fosse mai esistita, è difficile immaginare che molte persone sarebbero disposte a utilizzarne una, non importa quanto possano essere convenienti.

L’anno scorso ha visto il teletrasporto quantistico raggiungere oltre dieci miglia di spazio libero, anche se questo è molto diverso dal teletrasporto fantascientifico. Il primo comporta l’entangling di due particelle in modo che i loro stati siano dipendenti l’uno dall’altro e ciascuno possa essere influenzato dalla misurazione dello stato dell’altro. L’entanglement significa che il cambiamento dello stato di uno fa cambiare anche l’altro, consentendo il teletrasporto delle informazioni quantistiche. Cose piuttosto sorprendenti, ma non aspettarti mai di vedere le persone essere teletrasportate IRL.

Pistola impiantata all’interno del braccio / della mano (aggiornamento)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 4/10

Il thriller / film horror criminalmente sottovalutato Upgrade offre tonnellate di tecnologia fantasiosa, dall’intelligenza artificiale super avanzata agli starnuti pieni di nanobot che possono uccidere. Ma uno degli elementi più interessanti e discussi del film è la pistola che alcuni cattivi hanno impiantato nelle loro braccia / mani, che vengono sparate spostando la mano a un angolo di 90 gradi.

Le armi impiantate stanno per entrare nel territorio di Cyberpunk 2077, anche se Upgrade le mostra in un modo più pratico e viscerale: i colpi senza bossolo vengono inseriti in una porta di carico situata nel bicipite interno; ci sono una fotocamera e un telemetro nel palmo che invia i dati agli impianti ottici per il puntamento; e l’attrezzatura include sistemi di sospensione interna per impedire la rottura delle ossa quando la pistola spara, il che sarebbe scomodo.

Anche se non nella stessa lega dal punto di vista tecnologico, l’anno scorso ha visto la prima pistola intelligente al mondo attivata da impianto. Utilizza l’RFID in modo che solo chi ha l’impianto corretto possa attivarlo. Potrebbe essere un precursore di un impianto completo di pistola?

Oltre alle barriere tecniche come il surriscaldamento, le infezioni e l’esplosione di intere braccia, ci sono molte questioni etiche e legali che circondano questo tipo di arma. E avere buchi e telecamere in mano non significa che non sia certo un’arma nascosta? Inoltre, c’è il rischio di saltare accidentalmente la testa quando si grattano il naso.

Viaggio nel tempo (Dr. Who, Ritorno al futuro, Looper, ecc.)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 0/10

C’è qualcuno a cui non piacerebbe l’opportunità di tornare indietro nel tempo? Che sia per motivi personali o per avvantaggiare l’umanità, l’idea di viaggiare nel passato ha catturato l’immaginazione per decenni. Ma una cosa del genere sarà mai possibile?

Mentre ci sono studi sull’uso dei principi della meccanica quantistica per percorrere enormi distanze senza invecchiare (viaggio nel tempo relativo), non aspettarti di vederlo nelle nostre vite.

Viaggiare avanti e indietro nel tempo, tuttavia, è una storia diversa. Ci sono state molte teorie avanzate nel corso degli anni che affermano che una cosa del genere è impossibile, non importa quanto tecnicamente siamo avanzati, e un nuovo documento di matematica lo scorso anno ha suggerito la stessa cosa.

Come per ogni cosa nella vita, ci sono molte persone che sosterranno contro le prove. Forse il motivo per cui non abbiamo mai scoperto i viaggiatori nel tempo è che fanno di tutto per camuffarsi; forse una cosa del genere sarebbe possibile in certe regioni dello spazio; che dire dei wormhole, ammesso che esistano? Ad ogni modo, purtroppo non salteremo nella nostra DeLorean o Tardis che viaggiano nel tempo nei prossimi 30 anni.

Mantello dell’invisibilità (Predator)

Qui nei prossimi 30 anni? Punteggio: 10/10

Il mantello dell’invisibilità, in questo contesto, si riferisce al tipo sfoggiato dai Predators nel franchise di film / fumetti che piegano la luce, non a quello magico amato da Harry Potter. Il loro uso cambierebbe completamente la guerra, nascondendo soldati al nemico e persino veicoli terrestri o edifici dagli aerei. Mentre i film ritraggono questa straordinaria tecnologia come il lavoro di alieni altamente avanzati, tale tecnologia è vicina all’essere pronta qui sulla terra.

Piuttosto che il metodo poco pratico e impreciso di utilizzare una telecamera per filmare qualcosa che si trova dietro un oggetto e proiettarlo sulla superficie (molto simile alla scena del corridoio in Mission: Impossible – Ghost Protocol), abbiamo mantelli dell’invisibilità che funzionano allo stesso modo di quelli che appartengono ai predatori mandibolari.

La tecnologia utilizza metamateriali, che sono compositi metallo-dielettrici progettati su scala nanometrica. Secondo Interesting Engineering : “La struttura composita agisce come una serie di atomi artificiali, consentendo alla radiazione elettromagnetica di passare liberamente attorno a un oggetto. Il metamateriale guida la luce attorno all’oggetto che sta rivestendo per creare l’illusione che l’oggetto non sia affatto lì . “

La società canadese HyperStealth Biotechnology Corp. ha fatto notizia nel 2019 quando ha mostrato un prototipo di materiale per l’invisibilità progettato per i militari (video in alto). Non solo può nascondere gli oggetti agli occhi, ma li nasconde anche alle immagini a infrarossi e ultravioletti.

C’è ancora molto lavoro da fare; il fatto che i prototipi attuali non rendano qualcosa di completamente invisibile è l’ostacolo più grande. Ma non sorprenderti di vederli diventare una parte standard dell’equipaggiamento di un soldato entro il 2051.

Quale tecnologia immaginaria preferita speri arriverà nei prossimi 30 anni?

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *