Guida di TechSpot alle pulizie di primavera per i tuoi gadget e computer

Con la primavera alle porte, è tempo di eliminare le ragnatele intorno alla casa e bandire la tristezza invernale dando a tutto una buona pulizia. Ma non sono solo le nostre case e le nostre auto a meritare un po ‘di olio di gomito per renderle lucide e senza macchia: i nostri dispositivi tecnologici e informatici hanno bisogno della stessa cura e attenzione.

In questa guida, ti daremo alcuni consigli su come pulire al meglio i tuoi telefoni, computer e altri gadget popolari. Preparati a combattere la sporcizia, affrontare la sporcizia e demolire polvere e detriti!

Dire addio a macchie e sbavature

Cominciamo con i dispositivi che vengono gestiti più frequentemente: i telefoni. Queste meraviglie dell’ingegneria vengono regolarmente colpite e strofinate, oltre a essere spinte contro le nostre orecchie e respirate. Naturalmente, tale utilizzo porterà a un accumulo di sporcizia e grasso in pochissimo tempo.

Ovviamente puoi semplicemente usare un angolo di una manica per pulire la superficie, ma se vuoi fare le cose correttamente, allora è meglio usare gli strumenti giusti! I panni ideali da utilizzare sono quelli in microfibra , poiché il materiale ultra morbido non graffierà il dispositivo né lascerà residui di lanugine ovunque.

Per aiutare a rimuovere macchie ostinate di grasso e olio, potresti prendere in considerazione l’utilizzo di una soluzione di acqua distillata e aceto bianco (una miscela 80/20 dovrebbe essere sufficiente): è meglio non usare alcol denaturato e assolutamente non usare nulla con la candeggina in esso, poiché queste sostanze chimiche sono un po ‘troppo dure per il gadget.

Se hai intenzione di utilizzare un liquido, spruzzalo sul panno, anziché sul dispositivo, e lascia che entrambi si asciughino naturalmente in seguito. I panni in microfibra devono essere lavati a mano con un detergente delicato dopo alcuni utilizzi (non vuoi che lo sporco intrappolato graffi lo schermo) ma non usare alcun ammorbidente durante il lavaggio, né metterli in un’asciugatrice (poiché si rompe lungo le fibre, provocando lanugine).

Per tutti i piccoli angoli e fessure, come gli altoparlanti e le prese dei cavi, utilizzare un Q-tip inumidito con la soluzione detergente. Assicurati di utilizzare un’estremità asciutta di una punta per assorbire l’umidità in eccesso lasciata dietro: lasciala asciugare naturalmente per assicurarti che non sia rimasto liquido che interferisca con le connessioni.

Tablet, e-reader e hardware di gioco portatili possono essere puliti allo stesso modo, ma sono più facili con qualsiasi liquido detergente: questi dispositivi in ​​genere hanno una protezione contro le cadute più debole rispetto agli smartphone. Spesso diventano più sporchi dei telefoni, perché vengono lasciati in giro molto di più, quindi se trovi che macchie e segni sono un po ‘ostinati da rimuovere, prova a usare una soluzione forte di acqua distillata e aceto bianco (ma non più di 50 / 50 mix).

Questo può essere utilizzato anche per pulire la TV e gli schermi dei monitor: a differenza degli smartphone, questi raramente hanno uno strato di vetro per proteggerli, quindi non premere troppo. Lascia invece che il liquido detergente faccia tutto il lavoro duro. Spruzzare il liquido su un panno in microfibra e pulire delicatamente il pannello del display; quindi utilizzare un panno asciutto per rimuovere eventuali residui. Ripeti finché non sarà tutto senza sbavature!

Spolvera il tuo desktop e laptop

Passando ai PC in formato desktop o laptop, questi possono diventare sporchi quanto i dispositivi palmari, in particolare la tastiera e il mouse. Il primo non solo raccoglierà segni di grasso dalle nostre dita e dai palmi delle mani, ma polvere e altre particelle (ad es. Briciole di cibo * ehm *) si depositeranno nello spazio tra i tasti.

Molte tastiere sono relativamente facili da smontare , il che le rende molto più facili da eliminare i detriti accumulati all’interno. Per coloro che non sono disposti ad essere apprezzati, una buona scarica di aria compressa è la strada da percorrere – assicurati solo di farlo fuori, è davvero brutto!

È meglio non utilizzare aria compressa sulle tastiere dei laptop, in quanto ciò farà esplodere polvere e briciole ulteriormente nel sistema, intasando le ventole interne e riducendo il flusso d’aria. Se sai cosa stai facendo, puoi sempre smontare il laptop e far saltare tutto in quel modo, ma se non sei felice di farlo, usa un aspirapolvere per aspirare i rifiuti tra i tasti.

Le tastiere possono sporcarsi particolarmente e spesso richiedono una pulizia profonda. Usa lo stesso panno e la stessa soluzione dei telefoni, ma se ciò non sposta lo sporco, dovrai ricorrere a salviettine per la pulizia della casa, ma non usare quelle che contengono candeggina o altri prodotti chimici aggressivi.

Mouse, gamepad e joystick soffrono tanto quanto le tastiere. Pulisci tutti questi usando lo stesso metodo, ma evita di usare qualsiasi prodotto che contenga creme idratanti, come l’aloe vera, poiché lascerà un residuo dietro, aiutando la polvere e lo sporco ad aderire meglio. Allo stesso modo evita il lucido per mobili: è utile per tenere lontane le particelle, ma non è bello strofinare costantemente le dita.

E a proposito di polvere, PC desktop e laptop attireranno costantemente questo aspetto. Questo perché i componenti all’interno del sistema generano campi elettrici, che impregna una piccola forza sulle particelle vicine ai componenti, attirandole verso la superficie. Le bombolette di aria compressa sono la tua migliore scelta di arma contro questo accumulo: assicurati di farlo all’esterno e cerca di non dirigere il flusso d’aria troppo vicino a parti delicate (a differenza dell’immagine sopra!).

È possibile utilizzare aspirapolvere per rimuovere grossi ciuffi di polvere e capelli, ma evitare di mettere l’ugello troppo vicino a ventole o componenti sensibili e non utilizzare una spazzola. Le setole sono tipicamente in nylon e la combinazione del flusso d’aria e del movimento della spazzola sulle schede dei circuiti, creerà potenzialmente elettricità statica (un pericolo per l’elettronica).

A microfiber cloth, dampened with distilled water, can also be used to wipe surfaces down inside the PC, but make sure it’s fully dry before switching it back on. This is also the most effective way of cleaning grime of cooling fan blades: hold the fan in place and firmly wipe the plastic clean. You might want to use a small paint or makeup brush to remove any heavy deposits first, though.

A thick build up of dust needs a good brush to poke it out. Image: Daniel Schweinert

Coolers inside laptops are notoriously difficult to clean, with them still in place. You might be tempted to use a stronger blast of air, to force the dust through, but you’re more likely to damage the fans this way or just drive the muck deeper in the laptop’s casing. The only sensible way to clean these up is to take the laptop apart, or employ the services of a repair shop, if it’s not something you’re happy doing.

If your PC has removable dust filters, then take them out and wash them in warm water with a mild detergent. Let them dry in a room, or outside if it’s a sunny day, and pop them back in once there’s no sign of moisture on them. If you can’t take the filters out, then you’ll need to use a vacuum cleaner or brush to remove any dirt; wipe them down with a damp microfiber cloth once you’re done.

Grappling with other grimey gadgets

There’s plenty of other tech devices that we use regularly that need a good clean every now and then: headphones pick up grease from our hair and skin, and microphones collect dust inside thanks to small quantities of moisture, deposited by our breath.

The former can be cleaned using the same method employed with the other gadgets we’ve mentioned, although you may want to use antibacterial wipes (non-alcohol, non-bleach ones) to keep them extra pristine. This is especially important for in-ear headphones, as these can collect earwax and other unpleasantries.

Use a toothpick and damp Q-tip to make earphones squeaky clean again

On- and over-ear headphones often have fabric linings, and these can be somewhat tricky to deep clean. Use more solution on the cloth than you would for other devices, and work it into the material — let it thoroughly dry out naturally before using them.

Speakers generally just get dusty, rather than dirty, so they shouldn’t need anything more than a regular wipe down with a damp cloth. Be extra careful near the cones, if they’re exposed, as pressing too hard will damage them. If you’re particularly worried by this risk, then using a can of compress air, held 12 inches away, to blow away the dust.

Le fotocamere sono disponibili in tutte le forme e forme: da quelle integrate negli smartphone, alle webcam posizionate sopra i monitor e fino alle DSLR grandi e costose. I primi due possono essere puliti secondo i normali metodi che abbiamo menzionato, poiché gli obiettivi utilizzati nelle fotocamere sono protetti da coperture in plastica o vetro.

SLR digitali. tuttavia, sono apparecchiature di precisione e dovresti evitare di pulirle se non sai cosa stai facendo. È meglio utilizzare attrezzature specializzate per questo lavoro, ad esempio non utilizzare aria compressa per soffiare via la polvere dal corpo o dalle lenti. Il propellente nella lattina lascerà depositi microscopici sulle superfici, che possono portare alla comparsa di imperfezioni nelle immagini.

I proiettori per sistemi home cinema dovrebbero essere trattati come una combinazione di un laptop e una DSLR. Diffidare di utilizzare aria compressa per soffiare la polvere dell’involucro ed evitare di utilizzare acqua distillata, su un panno leggermente inumidito, per rimuovere eventuali macchie dalla lente.

Rimboccati le maniche e rimani bloccato

Usiamo e facciamo affidamento sui nostri gadget, computer e altre tecnologie così tanto in questi giorni che è facile diventare un po ‘ignari di quanto sporco possa diventare. Alcuni dispositivi, come i laptop e le fotocamere digitali, diventano notevolmente meno funzionali, più si sporcano, o diventano piuttosto caldi, perché i fan non possono soffiare abbastanza aria o le immagini possono mostrare artefatti e altri difetti.

Smartphone e tablet funzioneranno perfettamente, soffocati dalle impronte digitali, ma sembrano molto più belli quando sono tutti puliti e lucenti. Con tutti noi che prestiamo maggiore attenzione all’igiene in questi giorni, tutti i dispositivi condivisi dovrebbero essere puliti regolarmente per una questione di salute e sicurezza.

Ma c’è qualcosa di molto soddisfacente nel dedicare del tempo a dare un pezzo preferito del kit e dargli una pulizia davvero buona! Se hai buoni suggerimenti e trucchi che usi per ottenere i tuoi gadget immacolati, condividili nella sezione dei commenti.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *