Tearing dello schermo o input lag? Vsync o non Vsync?

Rottura dello schermo o ritardo di input? A vsync o non a vsync? Per molto tempo, questa è stata una domanda o una domanda nel settore dei giochi per PC. Potresti avere un’immagine priva di strappi, con un corretto frame-pacing o una bassa latenza di input. Non potresti avere entrambi. Oppure potresti?

Beh, dipende. Se disponi già di un moderno monitor da gioco che supporta la frequenza di aggiornamento variabile ( FreeSync o G-Sync ), non è affatto necessario utilizzare questa guida. Ma se disponi di un monitor con frequenza di aggiornamento regolare e fisso o se ti piace giocare sulla tua TV, questa guida ti aiuterà a ottenere un’esperienza tangibilmente migliore in termini di strappo dello schermo e ritardo di input.

Sfruttando il limite di frame accurato al millisecondo in RTSS (Rivatuner Statistics Server), puoi abilitare il vsync a basso ritardo. Il risultato? Qualità dell’immagine nitida e senza strappi e latenza di input fino a 50 ms inferiore rispetto a vsync convenzionale.

Questa è una di quelle rare modifiche al PC che possono migliorare notevolmente la tua esperienza di gioco con compromessi minimi e nessun investimento. Che diavolo è? E come lo fai? Ti guideremo passo dopo passo in questa guida.

Cos’è la latenza di input?

Prima di addentrarci nella procedura, è una buona idea capire esattamente cosa stiamo facendo. Il vsync a basso ritardo è una tecnica che aiuta a ridurre la latenza di input. Cosa significa in realtà? Quando digiti sulla tastiera o muovi il mouse, c’è un leggero, quasi impercettibile ritardo tra l’azione che esegui e l’output sul display. Questo ritardo è così minore che viene misurato in millisecondi. Quando usi il computer per navigare o giocare a giochi casuali, ciò non influisce in modo tangibile sull’esperienza.

Leggi anche: Quanti FPS hai bisogno? Fotogrammi al secondo, spiegato

Tuttavia, in situazioni competitive come gli sparatutto di eSport, ogni millisecondo conta. Pochi ms di input lag potrebbero fare la differenza tra ottenere quel colpo alla testa o essere individuati da soli.

Tutti i monitor (e i televisori) aggiungono una certa quantità di input lag per impostazione predefinita. Ciò dipende in genere dal tipo di pannello utilizzato. I pannelli IPS e TN ad alta frequenza di aggiornamento offrono la latenza di input più bassa pronta all’uso. Alcuni monitor arrivano fino a 0,5 ms. I pannelli VA tendono ad avere più input lag, con molti pannelli negli 8-10 ms. I televisori (che spesso utilizzano pannelli VA) tendono ad avere le prestazioni peggiori, con alcuni che arrivano fino a 30 ms o più.

Quando vsync è disattivato, la GPU invia i frame renderizzati al display il più velocemente possibile. Poiché il display può emettere solo fotogrammi così velocemente (1 fotogramma ogni 16,66 ms per pannelli a 60 Hz), lo screen tearing si verifica quando arriva un nuovo fotogramma prima che il fotogramma precedente sia fuori dall’immagine.

Quando il vsync convenzionale è abilitato, la GPU non è più in grado di sostituire il contenuto del buffer del monitor con un nuovo frame, prima che il vecchio frame raggiunga i suoi 16,66 ms di fama. Ciò significa che ogni fotogramma deve essere visualizzato nella sua interezza, eliminando lo screen tearing. Tuttavia, questo costringe la GPU a mettere in coda i frame, invece di inviarli il più velocemente possibile.

A causa dell’accodamento, il vsync convenzionale può aggiungere fino a 50 ms di latenza oltre al ritardo di input di base del display. È qui che entra in gioco il vsync a basso ritardo.

Con la tecnica vsync a basso ritardo, stai essenzialmente limitando il framerate (la velocità con cui la GPU emette i fotogrammi) a un numero leggermente inferiore alla frequenza di aggiornamento del monitor. Ciò impedisce alla GPU di inviare nuovi frame prima che il monitor sia pronto per riprodurli. Il risultato? Un’esperienza priva di strappi dello schermo con una latenza quasi pari a quella di vsync disattivata. Ecco come puoi farlo …

Di cosa avrai bisogno

Prima di iniziare, dovrai scaricare l’ultima versione di Rivatuner Statistics Server (RTSS) . Avrai anche bisogno di una connessione Internet attiva, in modo da poter accedere a queste due pagine web per eseguire i test:

  • Test della frequenza di aggiornamento degli UFO
  • vsync Tester

HPET (High Precision Event Timer) dovrebbe essere abilitato nel BIOS. Se l’hai disabilitato per qualche motivo, torna indietro e abilitalo.

Iniziare

La prima cosa che vuoi fare è determinare la frequenza di aggiornamento effettiva del tuo monitor. Se hai un pannello a 60 Hz, sarà probabilmente molto vicino a 60, ma spento di pochi centesimi di secondo. Usa l’UFO Refresh Rate Test o il vsync Tester. Se hai più tempo a disposizione, usa entrambi per vedere se i numeri si allineano.

Per testare la frequenza di aggiornamento del monitor, chiudi tutte le altre schede nel browser e tutti i processi in background, quindi attendi da 30 secondi a 1 minuto. La pagina di test mostrerà la frequenza di aggiornamento del display fino a diversi decimali. Arrotondalo a tre cifre per il passaggio successivo.

Installa ed esegui Rivatuner

Una volta installato Rivatuner, assicurati di eseguirlo con privilegi amministrativi. Quindi, fare clic sul pulsante verde “Aggiungi” in basso a sinistra. Accedi al percorso di installazione del tuo gioco. (Nota, puoi impostare anche questo a livello globale, preferiamo personalizzare in base al gioco).

Seleziona l’eseguibile del gioco, quindi aggiungilo a Rivatuner.

Calcola il limite del tuo telaio

Prendi la tua frequenza di aggiornamento di tre cifre decimali, quindi sottrai 0,01 da essa. Ad esempio, se la frequenza di aggiornamento è 60,001, il limite del frame sarà 59,991.

Nell’interfaccia di Rivatuner, seleziona il gioco sul lato sinistro. Quindi, digita il limite di frequenza dei fotogrammi nella casella accanto al limite di frequenza dei fotogrammi. Ora hai limitato la frequenza dei fotogrammi del tuo gioco appena sotto la frequenza di aggiornamento del monitor. Ti consigliamo di giocare un po ‘con questo numero. Alcuni giochi sono più sensibili al frame caping rispetto ad altri: se si verificano molte vibrazioni, provare ad aggiungere al frame rate cap con incrementi di 0,002.

Abilita vsync e avvia

Avvia il gioco, quindi assicurati di abilitare vsync nelle impostazioni. Se non sei in grado di farlo, forza il vsync a livello di driver dal pannello di controllo AMD o Nvidia, e il gioco è fatto!

Con il vsync a basso ritardo abilitato, godrai di una latenza di input sostanzialmente migliore senza strappi dello schermo. Ci sono alcuni avvertimenti a cui devi prestare attenzione. Il vsync a basso ritardo funziona meglio se il sistema è in grado di funzionare costantemente al di sopra della frequenza di aggiornamento del monitor. Se stai solo raggiungendo il segno di 60 FPS , abilitarlo potrebbe causare ulteriori balbettii, ogni volta che i frame rate scendono al di sotto.

Scanline sync: un’alternativa ancora migliore

Se non vuoi giocare con il limite frazionario del frame rate, RTSS offre un’alternativa: scanline sync. La sincronizzazione della linea di scansione ti consente di controllare il punto in cui avviene lo strappo dello schermo sullo schermo, con vsync disattivato.

In che modo questo aiuta? Lo strappo dello schermo si presenta come una singola riga che puoi quindi inserire nell’overscan del monitor, nella parte superiore o inferiore dello schermo, dove scompare effettivamente. Per abilitare la sincronizzazione della linea di scansione, assicurati di disabilitare il limite del framerate impostando il limite del framerate su 0 in RTSS e disabilita il vsync in-game oa livello di driver.

Quindi, decidi dove vuoi che sia la linea di scansione. Ti consigliamo di sperimentare con questo, ma idealmente, prendi la risoluzione verticale del tuo monitor (1440 se è un monitor 1440p), quindi sottrai 10 a 20. Imposta questo numero nella casella Scanline Sync. S-Sync spesso offre una latenza di input ancora più bassa rispetto a vsync a bassa latenza.

Tuttavia, tieni presente che avrai bisogno di un sistema potente (o di un gioco meno intenso) per utilizzarlo al meglio. Nei giochi in cui l’utilizzo della GPU è costantemente superiore all’80 percento, S-Sync non ha il sovraccarico delle prestazioni per mantenere la linea di strappo in un punto e può causare enormi balbettii.

Come regola generale, usa S-Sync per giochi meno intensivi, in cui la frequenza fotogrammi media può andare significativamente al di sopra di 60 FPS. Usa vsync a basso ritardo nei giochi in cui ti avvicini a 60 FPS.

Modifica e vai

Alcune modifiche alle prestazioni del PC possono avere un effetto placebo o avere dei compromessi, come nel caso del ridimensionamento della risoluzione . Ma con vsync a basso ritardo, stai davvero ottenendo un’esperienza migliore senza compromessi. Se hai il margine di prestazioni da risparmiare ma non stai utilizzando un monitor da gioco con VRR, il vsync a basso ritardo può trasformare la sensazione di sparatutto a contrazioni e giochi competitivi, eliminando allo stesso tempo lo strappo dello schermo.

Non ci sono attrezzature speciali coinvolte e l’unico software di cui hai bisogno è RTSS. Se hai seguito questa guida, dovresti vedere un miglioramento significativo nella latenza e reattività dell’input nella tua libreria di giochi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *